Istituto Istruzione Superiore Giovanni Caboto

Nuovi Servizi Commerciali
Servizi per la Sanità e l'Assistenza Sociale
Tecnico Grafica e Comunicazione
Gli studenti del Caboto dinanzi alla memoria della Shoah e della guerra
Nel quadro della riflessione sulla Shoah e sull'importanza del Giorno della Memoria, non poteva mancare la visita al Memoriale della Shoah di Milano: quaranta studenti del Caboto di Chiavari, delle classi 4^ A, 5^ A e 5^ B Servizi Commerciali, accompagnati dai docenti Valeria GhiorsiCinzia BelliDario De Bello e Roberta Allesina, hanno visitato questo luogo simbolo della deportazione luogo di memoria e di conoscenza. 
 
Lo spazio del memoriale è parte di un'estesa area di manovra realizzata, in origine, per i vagoni postali, che comprende 24 binari paralleli, i cui spazi interni si articolano su due livelli: gli studenti hanno potuto toccare dal vivo il luogo dal quale, fra il 1943 ed il 1945 partirono 20 convogli RSHA, cioè carri bestiame sui quali furono stipati migliaia di prigionieri.
 
Impatto visivo ed uditivo ha avuto, poi, la visione dello spettacolo teatrale, fortemente voluto dalla Vicesindaco di Chiavari Silvia Stanig, all'interno di quell'Obiettivo Creatività ideato e diretto da Daniela Ardini e da Giorgio Panni nell'Auditorium San Francesco, "La guerra non è mia".
 
Lo spettacolo, incentrato sulla figura e la storia di Lodovico Portesine, Alpino classe 1918 partecipante alla ritirata di Russia e reduce di Nikolaevka e dei campi di prigionia, ha fortemente impressionato i giovani, anche per la presenza dell'anziano alpino supportato dal figlio, Paolo Portesine, sempre presente sulle scene.
 
"Dobbiamo dire grazie al teatro perché, oggi, nonostante i tentativi della scuola, i giovani leggono meno e si rende necessario, pertanto, ricorrere ad altri mezzi di riflessione. Un ritorno al passato, quindi, a quando in Grecia il teatro rispondeva ad una ben precisa esigenza educativa e didattica. Potrebbe a prima vista sembrare strano presentare, all'interno delle riflessioni sul Giorno della Memoria, una vicenda che non riguarda direttamente la Shoah ma, in realtà, la rappresentazione intende allargare i confini della riflessione alla drammaticità della guerra.", ha commentato il nostro Dirigente Scolastico (prof. Glauco Berrettoni).
 
Prof.ssa Patrizia Diliberto
Pubblicata il 31 gennaio 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.